programma_completoSABATO 16 Marzo 2013
Associazione MIAO e Dracma Records presentano
DRACMA FEST
Appuntamento live con
SPIDKILZ
ELEKTRADRIVE
JADISH
a seguire
DJ VINNI con Musica Robusta

Un altro imperdibile appuntamento per chi ama il buon ROCK e la storia della DRACMA perché ogniDRACMA FEST, oltre a essere un appuntamento LIVE, è anche un’occasione per rivedere vecchi amici e ricordare i bei tempi passati, dal lontano 1988 ad oggi.
In questa edizione vedremo live gli SPIDKILZ che presenteranno il loro ultimo lavoro registrato alla DRACMA “Balance of Terror”, gli ELEKTRADRIVE che presenteranno la ristampa di “DUE” album storico della band, e le JADISH con i nuovi pezzi che andranno a far parte del loro album prima di partire in tournée all’estero.
A chiudere la serata lo storico e amico caro DJ VINNI che farà ballare con la sua MUSICA ROBUSTA

DRACMA Records

DRACMA dal lontano 1988 produce band rock italiane, da spazio agli artisti per provare, registrare e promuovere la propria musica.
Alcuni dei nostri artisti passati e presenti: MedusaLinea 77MjurElektradriveMr BisonDetestorNecromassBrokenglazzMaoCamaleuntiMarco CarenaCraravanserajTapir gets angry.

SPIDKILZ
Elisa “Over”, dopo la separazione dai White Skull nell’Agosto 2010, da inizio alla ricerca di elementi per dare vita al suo nuovo progetto chiamato SPIDKILZ, a cui comunque stava già pensando da tempo. A fine Agosto tutti i membri sono arruolati, le prove e la composizione dei nuovi brani hanno inizio e il progetto è pronto per mitragliare. A Gennaio la band entra in sala prove per la finitura dei pezzi e ad Aprile in 5 giorni registra la “Ultra Demo”, cd con 5 pezzi di presentazione del progetto musicale, pubblicato il 4 Maggio 2011. Nello stesso mese hanno inizio i concerti, che portano la band in varie regioni del centro e nord Italia.
Dopo un paio di necessari cambi in formazione (chitarra e basso) a inizio 2012, la band termina la composizione dei brani che formeranno il primo EP “Balance Of Terror”, registrato a Novembre presso gli storici studi della Dracma di Torino, in uscita per i primi mesi del 2013 sotto l’etichetta romana L.A. Riot Survivor Records, mentre prosegue contemporaneamente l’attività live per la promozione del progetto.
ELEKTRADRIVE
Siamo nel 1986 quando giunge in Febbraio il debut album per gli Elektradrive, “Over the space”. Nel mese successivo parte da Torino, città natale della band, un tour italiano di dieci date e l’estate porta grandi successi e consensi da tutta la stampa specializzata.
Nel Luglio 1989 vede la luce un nuovo lavoro, su etichetta Minotauro Records con il titolo “Due”. In autunno arrivano i grandi consensi: “Due” viene acclamato dall’intera stampa italiana come migliore album hard-rock nostrano. Ma le lodi piovono anche dall’estero: “Kerrang!”, autorevole magazine britannico, affibia la massima votazione a “Due” e commenta: “La classe di questi ragazzi è scritta in ogni brano del disco!”.
All’inizio del dicembre 1989 gli Elektradrive aprono la triade Shy/Sabbat/Manowar al Palasport di Torino e la buona prova della band viene prontamente sottolineata dal pubblico e dai mezzi di informazione presenti. Fra i giudizi più positivi quelli di Bravo, Aardshock Metal Hammer, Metal Hammer Italia e Metal Hammer U.K..
Ritroviamo la band torinese all’inizio del 1992 alle prese con la pre-produzione del terzo album. Dopo alcune trattative, nel mese di Maggio, gli Elektradrive firmano un nuovo deal discografico con la Dracma Records. “Big City” è il titolo del terzo lavoro firmato Elektradrive, che vede la luce nell’aprile del 1993 e conferma “alla grande” la classe e la cristallina perizia della band torinese. In Aprile tutti i maggiori magazine nazionali specializzati in Hard ‘ n Heavy offrono rinnovata attenzione agli Elektradrive: i nostri sono una band storica dell’hard italiano e una delle punte di diamante della scena heavy nazionale.
Il nuovo lavoro avrà come titolo “Living 4” e conterrà 14 nuove songs che come stile si differenziano leggermente rispetto agli ultimi lavori della band: hard rock melodico di base, con molte venature blues, ed arrangiamenti di chitarre acustiche, con presenza di tastiere meno dominante rispetto al passato. E siamo al 2009, anno che vede l’uscita del tanto atteso ed annunciato Living 4, per la Valery Records!
JADISH 
JADISH, nome dall’ambivalente significato. Un cavallo imbizzarrito e/o una personalità sfacciata, un marchio che si identifica perfettamente con queste splendide donne e con il loro raffinato sound. Questo progetto nasce nel 2006 dall’unione di quattro eccellenti musiciste, ognuna delle quali vanta una solida esperienza con un background dal gusto particolarissimo; dalla potente vocalist Maire Bassou alla chitarrista Lea Moor, dalla bassista Vanya Kovacs alla batterista Velena Moor. La loro musica possiede uno stile inconfondibile, i brani proposti risultano di sicuro impatto emotivo e dalla travolgente potenza strumentale, con sonorità che spaziano dal Metal al Rock più trasgressivo, con elementi melodici classici ed elettronici, il tutto unito all’originalità dei testi in più lingue e da una voce grintosa e trascinante. Proprio la presenza della cantante Maire Bassou, tedesca di origini italiane, permette alla band di comporre brani sia in tedesco che in inglese. Autrici e arrangiatrici, le Jadish, sono impegnate in un’ intensa attività live, attraverso la quale diffondono in Italia e in Europa la loro musica fatta di forza e passione, trasmettendo al pubblico il loro viaggio in un mondo dove i suoni graffiano e lasciano il segno, dove la voce si fa spazio in maniera imponente, ma dolce nel contempo, attraverso un sound energico, senza fronzoli che colpisce diritto al cuore di chi le ascolta, i loro live risultano quindi fortemente coinvolgenti, nei quali la staticità è bandita sia sotto che sopra al palco. La caratteristica rilevante di questa band, oltre ad essere totalmente al femminile, sta nella continua evoluzione, le Jadish sono capaci di sperimentare nuovi suoni, senza paura di contaminare la loro musica, desiderose di renderla sempre più unica, particolare e decisamente innovativa, una rara peculiarità di chi sa andare oltre, sia a livello tecnico che musicale.
Nel 2010 registrano il primo album contenente dieci tracce, e la canzone ‘In My Dreams’, viene scelta come colonna sonora del corto ‘Storia di un’interrogazione’, di Di Rosa e Oddo, nonché primo premio al concorso di video poesia ‘Versi di luce’, fino ad arrivare alla finale nazionale di Emergenza Festival tenutasi all’ Alcatraz di Milano.
A Febbraio 2011 firmano il contratto con Soundiva di Milano e a Marzo 2011 viene pubblicato Il primo album autoprodotto ‘When Something Dies ‘che ha ottenuto un ottimo riscontro sia di critica che di pubblico, nel quale innovazione, grande stile e ottima qualità spiccano e il tutto rende unica e inconfondibile la personalità di questa formazione.

I commenti sono chiusi.